Parzialmente nulle le fideiussioni omnibus
Tempo di lettura: 2 minuti Parzialmente nulle le fideiussioni omnibus: così hanno stabilito le Sezioni Unite della Corte di Cassazione. Di […]
Le fatture telefoniche a 28 giorni sono illecite
Tempo di lettura: 2 minuti Le fatture telefoniche a 28 giorni sono illecite. Così si sono pronunciate le Sezioni Unite civili […]
Il divieto di avvicinamento deve essere specifico
Tempo di lettura: 2 minuti La misura del divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa deve contenere le indicazioni specifiche necessarie alla sua applicazione concreta.
Obbligo di motivazione per il sequestro di beni finalizzato alla confisca
Tempo di lettura: 2 minuti Per le Sezioni Unite penali della Corte di Cassazione sussiste l'obbligo di motivazione per il sequestro di beni operato a sensi dell'art. 321 comma II c.p.p. e finalizzato alla confisca.
Amministrazione di sostegno: i reclami avverso i decreti del Giudice Tutelare
Tempo di lettura: 3 minuti Le Sezioni Unite hanno risolto il contrasto sulla competenza dei reclami avverso i decreti del Giudice Tutelare in materia di amministrazione di sostegno, affermando l'esclusiva competenza della Corte d'appello.
La validità dei trasferimenti immobiliari nelle separazioni e divorzi
Tempo di lettura: 2 minuti Le clausole dell’accordo di divorzio o di separazione consensuale che riconoscano ad uno o ad entrambi i coniugi la proprietà esclusiva di beni mobili o immobili, o di altri diritti reali, ovvero ne operino il trasferimento a favore di uno di essi o dei figli, al fine di assicurarne il mantenimento, sono valide in quanto il predetto accordo, inserito nel verbale di udienza redatto da un ausiliario del giudice, assume forma di atto pubblico ex art. 2699 c.c. Ove implichi il trasferimento di diritti reali immobiliari, costituisce, dopo la sentenza di divorzio ovvero dopo l’omologazione, valido titolo per la trascrizione ex art. 2657 c.c.
Le Sezioni Unite sul limite temporale della confisca
Tempo di lettura: 2 minuti Il giudice dell'esecuzione, investito della richiesta di confisca ex art. 240-bis cod. pen., può disporla fermo restando il criterio di "ragionevolezza temporale", in ordine ai beni che sono entrati nella disponibilità del condannato fino alla pronuncia della sentenza per il cd. "reato spia". E' fatta comunque salva la possibilità di confisca anche di beni acquistati in epoca posteriore alla sentenza, ma con risorse finanziarie possedute prima.
Leasing
Tempo di lettura: < 1 minuto Le Sezioni Unite, con la sentenza n. 2061 depositata il 28 gennaio 2021, hanno analizzato l’efficacia […]