Tempo di lettura: 2 minuti

Torniamo sulla questione (ne avevamo parlato qui) delle norme agroalimentari poichè in data 17 Marzo 2021 – pertanto, in epoca anteriore alla pubblicazione del decreto legge successivamente voluto dal Governo per evitare i problemi conseguenti ad un’abrogazione indiscriminata delle norme sanzionatorie in materia (leggi infra) – l’Ufficio del Massimario della Corte di cassazione ha pubblicato una relazione sull’abrogazione delle norme sulla produzione e vendita di sostanze alimentari conseguente all’entrata in vigore del D.Lgs. n. 27/2021 (prevista per il 26 Marzo 2021, tenuto conto del periodo di vacatio legis).

La Corte di cassazione non ha usato mezzi termini per definire gli effetti giuridici del decreto legisltivo n. 27: abolitio criminis integrale.
Le osservazioni contenute nella Relazione redatta dall’Ufficio del Massimario hanno dettagliatamente indicato le conseguenze dell’entrata in vigore del decreto: estinzione dei giudizi penali pendenti ed abrogazione – per il futuro – dei reati e delle sanzioni amministrative.
Per un approfondimento, potete leggere il testo della relazione →

Ma non sarà così.
Sono state abrogate le sanzioni sulla produzione e vendita di sostanze alimentari? No.


Come avevamo anticipato, il Governo è infatti corso ai ripari. Ed in data 24 Marzo 2021 sulla Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il Decreto Legge n. 42 del 22 Marzo 2021 contenente “Misure urgenti sulla disciplina sanzionatoria in materia di sicurezza alimentare”.
Il decreto è entrato in vigore il 25 Marzo 2021; pertanto, prima dell’entrata in vigore del D.Lgs. 27/2021, il 26 Marzo 2021.

In sostanza, con l’art. 1 del decreto legge il Governo ha ampliato il novero delle norme escluse dall’abrogazione dell’art. 18 del D.Lgs. 27/2021.
Ciò ha permesso di salvare l’impianto sanzionatorio previgente ed evitare che l’Italia – pur adeguandosi alle normative europee in materia agroalimentare – cessasse di reprimere le condotte illecite.

Un salvataggio in extremis di quello che ai molti è parso un vero pasticcio all’italiana!

Vai al testo del Decreto Legge →

(torna alla pagina delle notizie)

close

Comments are closed